Lightness of slowing down by wandering

Leggerezza
di vita
a volte si cerca
nel flebile sole invernale
leggerezza
come nel vento

rallentare
per reincontrarsi
reicontrare il mondo intero
smettendo di correre alla rinfusa
inganno calcolato
per non far raggiungere mai
il vero traguardo della vita
ma solo la blanda consolazione
di piccoli obiettivi da altri decisi
(anche quando credi di sceglierli tu,
infatti al massimo scegli)
come la carota sta all’asimo
mentre si prepara dietro il bastone

spensieratezza
come quando bambini
si esplora e non si raziocina
al dettaglio
su tutto e di tutto
che poi crescendo si impone come dogma
ma il più dei ragionamenti
some mere chimere e
scempiaggini
ma tanto va che si ama essere convinti
che va tutto bene
nel calderone di parole su parole
che nessuno vede

attento però
quando qualcuno invisto ti ascolta

potrei redigere più volumi di quanti
ne conservi una biblioteca di Alessandria
di cretinate sentite
da guru
da governanti
da chi sale sui propri podi o spalti
o pulpiti,
fa te

E sempre più bello
vare solitari
raminghi
e tanto vale
stranieri
anche nella propria terra.

 
tania P.

 

 

Lightness
of life
sometimes you try
in the feeble winter sun
lightness
as in the wind

slow down
to meet again
re-encounter the whole world
by stopping running in bulk
calculated deception
to never reach
the real goal of life
but only the mild consolation
of small goals from others decided
(even when you think you choose them,
in fact at most choose)
how carrot is in the mood
while preparing behind the stick

lightheartedness
like when children
it is explored and not rational
retail
on everything and everything
which then growing imposes itself as dogma
but most of the reasoning
some mere chimeras e
nonsense
but so much that we love to be convinced
that’s all right
in the cauldron of words on words
that nobody sees

careful though
when someone I invite listens to you

I could write more volumes than there are
you keep a library in Alexandria
of stupid hear
by guru
by rulers
by those who climb their podiums or stands
or pulpits,
you do

And more and more beautiful
be lonely
raminghi
and it’s worth it
foreigners
even in their own land.

 
tania P.

 

Pubblicato da taniapizzamiglio

IPHM member, EBSA member, naturopath, holistic operator, HSE technician, education and social communication assistant, ed. mindfulness, op. international cooperation development projects, etc.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: