Rudolf Steiner and the prayer of devotion

«Ciò che verrà, ciò che anche la prossima ora, il prossimo giorno mi potranno portare incontro,
sebbene mi sia del tutto sconosciuto, non lo posso cambiare mediante alcuna paura o timore.
Io l’attendo con il più profondo silenzio dell’anima, con la più assoluta calma del mare del sentire.
Colui che può andare incontro al futuro con tale calma, e tuttavia non lasciar venir meno in alcun modo la sua energia, la sua forza d’azione, in costui le forze dell’anima possono svilupparsi nel modo più intenso e nella forma più libera.
È come se davanti all’anima cadessero al contempo impedimenti su impedimenti, quando essa viene compenetrata sempre più da quell’atmosfera di dedizione di fronte agli eventi che fluiscono dal futuro.
La nostra evoluzione viene ostacolata dalla paura e dal timore perché noi, attraverso le onde della paura e del timore, respingiamo quello che il futuro vuole far entrare nella nostra anima.
La dedizione a ciò che viene chiamata “saggezza divina” presente negli eventi, la sicurezza che ciò che verrà deve essere e che, in qualche direzione, darà frutti fecondi, l’evocazione di tale atmosfera nelle parole, nei sentimenti e nelle idee: questo è lo stato d’animo della preghiera di devozione.
Nella nostra epoca è veramente necessario imparare a saper vivere con vera fiducia senza alcuna preventiva rassicurazione esistenziale, con la fiducia nell’aiuto sempre presente del mondo spirituale.
In verità, affinché oggi il coraggio non venga meno, non resta che “divenire sovrani” nella nostra volontà con la giusta disciplina e cercare il risveglio interiore ogni mattina e ogni sera»

Rudolf Steiner
Preghiera di devozione

Dalla conferenza “L’intima natura della preghiera”, Berlino 17-02-1910. Opera Omnia 59

Pubblicata sulla Rivista Antroposofia di Febbraio 1956

 

“What will come, what even the next hour, the next day will bring me to meet,
although I am completely unknown, I cannot change it by any fear or fear.
I await it with the deepest silence of the soul, with the most absolute calm of the sea of ​​feeling.
He who can face the future with such calm, and yet not let his energy, his strength of action in any way fail, in which the soul’s forces can develop in the most intense way and in the freest form.
It is as if obstacles over impediments fell before the soul, when it is increasingly penetrated by that atmosphere of dedication in the face of events that flow from the future.
Our evolution is hindered by fear and fear because we, through the waves of fear and fear, reject what the future wants to bring into our soul.
The dedication to what is called “divine wisdom” present in events, the certainty that what will come must be and that, in some direction, it will bear fruitful fruit, the evocation of this atmosphere in words, feelings and ideas: this it is the mood of the prayer of devotion.
In our age it is truly necessary to learn to live with true trust without any prior existential reassurance, with trust in the ever-present help of the spiritual world.
In truth, so that today courage does not fail, all that remains is “to become sovereign” in our will with the right discipline and to seek the inner awakening every morning and every evening »

Rudolf Steiner
Devotional prayer

From the conference “The intimate nature of prayer”, Berlin 17-02-1910. Opera Omnia 59

Published in the Anthroposophy Magazine of February 1956

Pubblicità

Pubblicato da taniapizzamiglio

IPHM member, EBSA member, naturopath, holistic operator, HSE technician, education and social communication assistant, ed. mindfulness, op. international cooperation development projects, etc.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: