#Bupizu. B for burrata, P for pizza

B come burrata, P come pizza

Nasce Bupizu dagli ingredienti dominanti ma non unici:

base pane per la pizza per 2 persone:
200 gr farina integrale
170 gr semola integrale rimacinata
1 cucchiaio olio e.v.o.
1 cucchiaino raso lievito secco
3 cucchiai generosi semi di lino interi (attenzione, come già detto in passato, il lino sottoposto a qualsiasi forma di calore od ossidazione perde gli omega e conserva il suo apporto di fibre e altri minerali, ma ripeto, non gli omega, per cui quando nei prodotti da forno industriali e altri derivati alimentari leggete: ricchi di omega, è una informazione non corretta, perché la materia prima è sì ricca di omega ma processata dall’industria alimentare li perde, idem per l’olio di lino, gli omega si denaturano e ossidano dopo breve tempo dalla preparazione)
li ho inseriti nella pizza per conferire un aroma particolare, variare l’impasto e arricchire di fibre, prevengono le gastriti per chi vi è soggetto o predisposto, ecc.
2-3 cucchiaini di origano secco che profuma e risalta gli aromi dell’impasto stesso, oltre i benefit per la salute
un pizzico di sale integrale (hymalayano o marino o mescolati)
un cucchiaino di curcuma in polvere
acqua q.b.

per la farcia:
2 zucchine
pomodiri secchi italiani (una manciata)
1/2 cipolla rossa
origano secco
olio e.v.o.
1 burrata

Ho preparato l’impasto la mattina presto per la sera, in genere lo preparo il giorno prima.
Sciogliere il lievito con una punta di zucchero integrale e acqua tiepida e lasciare attivare 10 minuti.
Mescolare le farine, origano il lino e la curcuma. Aprire a fontana e versare nel centro il cucchiaio di olio, il lievito scolto e aggiungere acqua q.b. mescolare gran parte della farina affinchè il lievito sia impastato con la farina, a questo punto aggiungere il sale, così non fermerà l’azione attiva del lievito, e continuare a impastare finchè risulta un panetto ben amalgamato, ricoprire e porre a maturare al buio (in forno o in credenza).

Al momento dell’utilizzo, prendere l’impasto che si è più che raddoppiato, impastarlo velocemente e stenderlo a mano delicatamente (evitando eccessive pressioni) sulla teglia da forno coperta da carta da forno e una spolverata di semola integrale.
Fare buchi con i rebbi della forchetta per evitare che l’impasto si gonfi (facoltativo).

Lavare e mondare le verdure, mettere a mollo in acqua temperatura ambiente o tiepida i pomodori secchi.
Affettare la mezza cipolla e distribuirla sulla pasta pizza stesa.
Tagliare i pomodori secchi a pezzi grossolani e distribuirli sulla base pizza. Quinsi affettare le zucchine per il lato lungo in strisce sottili e adagiare sopra i pomori.

Infornare in forno preriscaldato a 250° per 20 minuti, ripiano 2 del forno (ma dipende dai tipi di forno, in generale a metà forno o appena livello sotto la metà). Non aprire il forno in cottura, controllate dall’esterno a forno chiuso.

Intanto preparare la burrata tagliata a pezzi. La burrata è un formaggio che non va cotto al fine di non denaturare la sua stessa pasta fresca e morbida e il suo sapore tipico, è un formaggio fresco, con fermenti e una parte quasi liquida, la crema di latte.

Sfornare, dividere nei piatti e aggiugnere burrata, origano secco, un filo di olio e.v.o.
Per chi vuole (come la sottoscritta) un po’ di pepe nero in grani macinato al momento.
L’opera è fatta, tutti a tavola!
Nella magia dei profumi che vi avvolgeranno e l’unione di un fondo caldo con la freschezza della burrata*. Oltretutto avrete notato che ultimamente uso sempre la burrata in quanto è un formaggio molto più digeribile e con meno percentuale di grassi saturi rispetto alla mozzarella, così da rendere una ricetta, già ben farcita, più digeribile e salutare, senza privazioni.
Se provate la burrata difficile tornare alla mozzarella, ma quando uso mozzarella allora cerco quella di bufala perchè di qualità superiore, solo quelle a scadenza breve e senza correttori di acidità e conservanti, ingredienti purtroppo tipici in quelle secche definite “per pizza” ma di fatto denaturate e poco salutari per gli additivi &Co.

buon appetito!

by tania

  • ci sono diverse produzioni di burrata, ma non sono molte quelle che consiglio, ovvero la burrata senza panna UHT e senza conservanti e additivi come i correttori di acidità, io utilizzo una burrata la cui scadenza è in genere di 2-3 settimane (prodotto fresco) con solo latte, crema di latte, caglio, fermenti vivi, peraltro, come da ricette pubblicate in passato, ottima per condire (senza cuocerla ovviamente) spaghetti (l’ideale è porre gli spaghetti conditi con un sugo di verdure o pesto o bottarga belli bollenti sopra il letto di burrata che si scioglie col calore della pasta, una crema e una vera delizia), crostini, sulle uova strapazzate, su panino aperto scaldato al forno, accompagnato con verdure grigliate o lattuga e sopra la burrata, nell’insalata di lattuga, carota, olive e noci ecc.
    mi dite gli ingredienti e vi preparo la ricetta 😉 … per buongustai

B for burrata, P for pizza

Bupizu is born with dominant but not unique ingredients:

bread base for pizza for 2 people:
200 gr wholemeal flour
170 gr re-milled whole wheat semolina
1 tablespoon extra virgin olive oil
1 level teaspoon dry yeast
3 generous tablespoons of whole flax seeds (attention, as already mentioned in the past, flax subjected to any form of heat or oxidation loses its omegas and retains its supply of fibers and other minerals, but again, not the omegas, so when in industrial bakery products and other food derivatives read: rich in omega, it is incorrect information, because the raw material is so rich in omega but processed by the food industry it loses them, ditto for linseed oil, omegas are denature and oxidize after a short time from preparation)
I put them in the pizza to give a particular aroma, vary the dough and enrich fiber, prevent gastritis for those who are subject or predisposed, etc.
2-3 teaspoons of dried oregano that perfumes and enhances the aromas of the dough itself, as well as the health benefits
a pinch of whole salt (hymalayan or sea salt or mixed)
a teaspoon of turmeric powder
water q.s.

for the filling:
2 courgettes
Italian dried tomatoes (a handful)
1/2 red onion
dried oregano
extra virgin olive oil.
1 burrata

I made the dough early in the morning for the evening, I usually make it the day before.
Dissolve the yeast with a hint of brown sugar and warm water and let it activate for 10 minutes.
Mix the flours, oregano, flax and turmeric. Open a fountain and pour in the center the spoonful of oil, the dissolved yeast and add water to taste. mix a large part of the flour so that the yeast is mixed with the flour, at this point add the salt, so it will not stop the active action of the yeast, and continue to knead until a well-blended dough is obtained, cover and leave to mature in the dark ( in the oven or in the cupboard).

At the moment of use, take the dough that has more than doubled, knead it quickly and spread it gently by hand (avoiding excessive pressure) on the baking sheet covered with baking paper and a sprinkling of wholemeal semolina.
Make holes with the fork tines to prevent the dough from swelling (optional).

Wash and clean the vegetables, soak the dried tomatoes in room temperature or lukewarm water.
Slice the half onion and spread it over the spread pizza dough.
Cut the dried tomatoes into coarse pieces and arrange them on the pizza base. Then slice the courgettes along the long side into thin strips and lay the tomatoes on top.

Bake in a preheated oven at 250 ° for 20 minutes, shelf 2 of the oven (but it depends on the types of oven, generally halfway up or just below halfway level). Do not open the oven while cooking, check from the outside with the oven closed.

Meanwhile, prepare the burrata cut into pieces. Burrata is a cheese that should not be cooked in order not to denature its fresh and soft dough and its typical flavor, it is a fresh cheese, with enzymes and an almost liquid part, the cream of milk.

Remove from the oven, divide into plates and add burrata, dried oregano, a drizzle of extra virgin olive oil.
For those who (like myself) want some freshly ground black peppercorns.
The work is done, everyone at the table!
In the magic of the aromas that will envelop you and the union of a warm base with the freshness of burrata *. Moreover, you may have noticed that lately I always use burrata as it is a much more digestible cheese and with less saturated fat than mozzarella, so as to make a recipe, already well filled, more digestible and healthy, without deprivation.
If you try burrata it is difficult to go back to mozzarella, but when I use mozzarella then I look for buffalo mozzarella because it is of superior quality, only those with a short shelf life and without acidity correctors and preservatives, unfortunately typical ingredients in those dry ones defined “for pizza” but in fact denatured and unhealthy for additives & Co.

enjoy your meal!

by tania

  • there are different productions of burrata, but there are not many that I recommend, that is the burrata without UHT cream and without preservatives and additives such as acidity correctors, I use a burrata whose expiry is usually 2-3 weeks (product fresh) with only milk, cream, rennet, live enzymes, however, as per recipes published in the past, excellent for seasoning (without cooking it of course) spaghetti (the ideal is to put the spaghetti seasoned with a vegetable or pesto sauce or beautiful hot bottarga on the bed of burrata that melts with the heat of the pasta, a cream and a real delight), croutons, on scrambled eggs, on an open sandwich heated in the oven, accompanied with grilled vegetables or lettuce and on the burrata, in the lettuce, carrot, olive and nut salad etc.
    you tell me the ingredients and I’ll prepare the recipe;) … for gourmets

Pubblicato da taniapizzamiglio

IPHM member, EBSA member, naturopath, holistic operator, HSE technician, education and social communication assistant, ed. mindfulness, op. international cooperation development projects, etc.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: