29-30 maggio 1832: L’ultima notte di Évariste Galois, genio della matematica

NARRARE DI STORIA

Un destino beffardo sembra abbia gravato sulla matematica – in particolare nel campo dell’algebra – nella prima metà dell’Ottocento. In un precedente articolo (Vita di Niels Henrik Abel, sfortunato genio dellamatematica) vi ho raccontato la storia del matematica norvegese Abel (1802-1829) a cui una condizione originaria di povertà, problemi di salute dalla povertà acuiti e l’incomprensione del mondo accademico dell’epoca, il tutto condito da episodi di pura sfortuna, provocarono la morte all’età di appena 27 anni, impedendo così al giovane di approfondire i suoi fecondi risultati.

Ebbene, che ci crediate o meno, quasi negli stessi anni di Abel, si svolge la parabola altrettanto sfortunata e accompagnata da disavventure di ogni tipo di Évariste Galois (1811-1832), che morì in età persino più giovane di quella del norvegese e in condizioni addirittura più tragiche.

Un’altra cosa mi preme sottolineare. All’inizio dell’800, l’algebra, al contrario di altri campi…

View original post 3.338 altre parole

Pubblicato da taniapizzamiglio

IPHM member, EBSA member, naturopath, holistic operator, HSE technician, education and social communication assistant, ed. mindfulness, op. international cooperation development projects, etc.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: