#The friend who is not there

L’amico che non c’épresenza a sécome un rifugiodall’indifferenza e il trovarsi solitaritra moltitudini di diversamente adultinell’infanzia accadequale il suo voltocome di un cervo che anela alla fontedella sua libertàsilenzioso comeil mondo al di fuori dell’autocol suo motore rombante rumorosoplacido come lo stagnoda una mente inviluppata nel caoticovorticare di pensierisfuggevole come acqua di pioggiasulla carrozzeria d’autoContinua a leggere “#The friend who is not there”

Pubblicità

#Being alone – Osho

Stare da soli è il più grande dei miracoli. Significa che non appartieni a nessuna chiesa, non appartieni a nessuna organizzazione, non appartieni a nessuna teologia, non appartieni a nessuna ideologia, non appartieni; ‘sei’ e basta, e hai imparato come amare la tua indefinibile, ineffabile realtà. Hai imparato come stare con te stesso.ndr. Osho BeingContinua a leggere “#Being alone – Osho”

#Solo bench

Panchina vuota Vuota la panchinanon è tempo di fermarsila vita continuain sentieri ancora da esperirein un moto perpetuodi quel diveniresenza sostacome acqua di sorgentezampille finchè viva. Una vuota panchinamemorialedi storie che hanno sostatesi sono confidatesi sono raccontatesi sono baciatesi sono lasciateun sostegno lungo l’andareun ritrovo cui arrivareun appuntamento. La panchinanelle sue stagioniinvecchiaaccogliesostieneospitagiace solitariacustode di silenzicomeContinua a leggere “#Solo bench”

Friedrich Nietzsche: many men are so used to being alone…

FRIEDRICH NIETZSCHE Umano troppo umano Parecchi uomini sono così abituati a star soli con se stessi, che non si paragonano affatto con gli altri, e continuano a intessere la loro vita monologica in una disposizione lieta e tranquilla, fra buone conversazioni con sé stessi e perfino con riso. Se invece li si induce a confrontarsiContinua a leggere “Friedrich Nietzsche: many men are so used to being alone…”