In the moonlight, dull shade

Al chiaro di luna,ombra opacatimida lucesoffusa tenebratiepido freddo di rugiada.Al chiaro di luna,corali solitariedi anime viandantidi raccolti nidi rifugiotacite voci fracassose.Al chiaro di luna,nessuna maschera diurnavestendo il velo notturnoepiteto di un giornopurificandosi in bagni lunatici.Al chiaro di luna,fremono i sensitacciono le argomentazionidissentono le emozionidistanze dissolte in confini intimi varcati.Al chiaro di luna,misteri accadononelle segrete stanzenessunContinua a leggere “In the moonlight, dull shade”

Leaves fall to cover paths. Draw your way

Placidamente fiumi di foglie scorrono lungo le strade soffiate dal vento dolcemente coprono sentieri e svelano altre vie potresti non trovare il cammino se insisti sempre su quelli già tracciati a volte devi aprire nuovi varchi e lasciare un segno a chi segue. Le foglie lentamente ricoprono i sentieri come strati di giorni consumati rivestonoContinua a leggere “Leaves fall to cover paths. Draw your way”

There are paths without travelers. But … Gustave Flaubert

Esistono cammini senza viaggiatori. Ma vi sono ancor più viaggiatori che non hanno i loro sentieri. Gustave Flaubert   There are paths without travelers. But there are even more travelers who don’t have their own paths. Gustave Flaubert

The pleasant one sustainable slowness of going

Quella gradevole sostenibile lentezza dell’andare camminando lento masticando passo dopo passo digerendo percorsi senza fretta meditabonda lentezza camminata contemplando mondi attorno o interiori introspettivamente ritmo cadenzato su lento camminare riscoprire retrospezione e arrivare infine a quel tragurdo scoperto essere tuttavia così vicino a quando tutto è iniziato muovendo il primo passo senza fretta di ingoiareContinua a leggere “The pleasant one sustainable slowness of going”

Matsuo Basho: 1, 2, 3 … haiku

MATSUO BASHO Poesie 1. Nello stagno antico si tuffa una rana: eco dell’acqua. 2. La notte di primavera è finita. Sui ciliegi sorge l’alba. 3. L’erba estiva! È tutto ciò che rimane del canto dei guerrieri 4. Silenzio. Graffia la pietra un canto di cicale. 5. Vieni, andiamo, guardiamo la neve fino a restarne sepolti.Continua a leggere “Matsuo Basho: 1, 2, 3 … haiku”

The touch of soul

Menti in dialogo o contrasto aperte od ottuse cuori di carne o di pietra che amano o che odiano corpi consumati o curati sani od ammalati le anime si conformano alla forma che gli dai come suo contenitore (scegli bene come saranno cuore mente corpo) si espandono o si ritraggono anelano allo Spirito che soffiaContinua a leggere “The touch of soul”

Remember me when

Ricordati di me al risveglio quando condividevamo la stessa alba una colazione calda un sorriso un saluto Ricordati di me quando attendi al tuo pasto quotidiano che condividavamo che trovavi cucinato con un sorriso un’attenzione Ricordati di me quando indossi bucato appena fatto tra i profumi di aria fresca e lavanda aromatica cotone e setaContinua a leggere “Remember me when”

Devour life

Volevi saziarti e hai divorato la vita il già bruciato non riarde la speranza come un cammino di quaresima nello svuotamento dagli orpelli e ripartire nuovo, fresco e leggero saziato da parsimoniosi bocconi di passi di vita vissuti intensamente consapevolmente in una Presenza Viva nutrimento in una Parola creante.   tania Pizzamiglio   You wantedContinua a leggere “Devour life”